Archivi tag: hobbit

IL SIGNORE DEGLI ANELLI IN 5 MINUTI TERZA E ULTIMA PUNTATA


Mi sono rivisto il secondo film, in effetti non finiva come vi ho raccontato, però mi sembra un bel finale, forse migliore e non riscrivo il post ma invece convinco Jackson a rigirare il film.

Nel terzo episodio che si intitola “il ritorno del Re” la storia giunge al suo epilogo e si scopre il finale e cioè che il re ritorna che in effetti è un bello spoiling per chi non vuole sapere il finale… tutta colpa di Tolkien, così ti toglie la sorpresa, io l’avrei intitolato: “il ritorno del re?” così uno non sa se torna davvero o no… e avrei aggiunto sotto, scritto in piccolo “che non è Emanuele Filiberto” che so di gente che non è andata a vedere il film per paura che fosse un musical con Emanuele e Pupo.

Comunque il film inizia che viene raccontato come Luciano Moggi… pardon Gollum ritrovò l’anello del potere molti anni prima.

La scena si sposta poi nel presente dove c’è il solito gruppo di tossiconi capeggiati da Gandalf che visita le rovine delle torre di Saruman dove è avvenuta una furiosa battaglia.

Dopo aver saccheggiato la dispensa e distrutto tutto come dei veri black block il gruppo riparte per Minas Tirith per andare da re Denethor e convincerlo a fare la guerra a Sauron.

Nel Frattempo Aragorn, Gimli e Legolas cavalcano con le truppe di Re Theoden per andare a combattere anche loro a Minas Tirith.

Cagandosi addosso per la paura i tre spavaldi scappano a sbagliano strada e finiscono in un passaggio dentro la montagna custodito dai morti sui quali molti anni prima era stata scagliata una maledizione da Isuldur, parente di Aragorn, conoscente di Gandalf, amico del lattaio di Frodo, amante della sorella di Saruman, figlio illegittimo di Mario Balotelli i quali promettono di aiutarli se Aragorn li scioglierà dalla maledizione.

Lui accetta e partono tutti insieme per la battaglia cantando “andiam andiam, andiamo a battagliar..”.

Nel frattempo procede il viaggio di Frodo e Sam aiutati da Gollum il quale cerca di farli litigare mettendo zizzania: “Sam ha detto che sei ricchione”. “Frodo ha detto che tua sorella è un po’ maiala”. “La nonna di Sam se la faceva coi Rohirrim”. Ecc. ecc. ecc.

I due litigano davvero e prendono strade diverse.

Frodo finisce nella tana di Shelob, grosso ragno malvagio che tenta di ucciderlo ma la cotta di maglia impedisce che il veleno di Shelob uccida Frodo, lo paralizza e basta.

Sam che nel frattempo è tornato indietro a cercare Frodo per dargli due cazzotti e un calcio nelle balle prima scaccia il ragno e poi, credendo l’amico morto, gli ruba l’anello e la spada e continua il viaggio per portare l’anello dal compro oro.

Il cadavere di Frodo (che in realtà non è morto ma fa solo finta per evitare di camminare e far fare lo sporco lavoro agli altri) viene portato via dagli orchi che ne vogliono fare strumento di piacere sessuale (al che Frodo inizia a pentirsi dell’idea).

Sam decide di salvarlo che sì che Frodo è uno stronzo ma farsi violentare da un orco è brutto che non lo augureresti a nessuno tranne forse a Berlusconi che però è talmente scaltro che sarebbero gli orchi a dover temere e dopo aver fatto una strage lo porta via.

Nel frattempo, mentre loro si dirigono al Monte Fato Aragorn e gli altri sconfiggono tutti in battaglia e organizzano un piano per distrarre Sauron e le sue truppe per permettere a Frodo e Sam di distruggere l’anello.

Si recano allora con un modesto gruppetto di cavalieri al cancello nero della tenuta di Sauron e suonano il citofono: “chi è? Testimoni di Geova, possiamo lasciare una copia di Torre di guardia nella buca delle lettere? No guardi, il padrone non è in casa, sono la donna delle pulizie, o ve ne andate o chiamo la sicurezza. No signora non ce andiamo! Vogliamo parlare con Sauron. Vabbè, l’avete voluto voi, ora mando fuori le guardie di sicurezza.”

E Aragorn e tutti gli altri vengono circondati da dei loschi figuri!

Nel frattempo Frodo e Sam arrivano alle pendici del vulcano e iniziano a salire.

Entrano nella bocca del vulcano e Frodo non è più mica tanto convinto di volerlo buttare quell’anello lì, che l’ha portato addosso per 3 film di 4 ore l’uno e un po’ ci è affezionato, e poi fa diventare invisibile ha sempre la sua utilità e poi è d’oro e l’oro è sempre un bene rifugio che i soldi si svalutano ma l’oro il suo prezzo lo mantiene sempre e poi c’ha quelle scritte fighissime che se lo scaldi vengono fuori tutte belle rosse e poi…. arriva Gollum che si è rotto la bene amata ciolla e gli stacca il dito (con l’anello) a morsi e precipita nella lava.

Sauron si accorge dell’inganno, non erano testimoni dei Geova, volevano solo distrarlo ma ormai è troppo tardi… la torre crolla e le sue truppe perso il padrone si disperdono urlando.

Frodo e Sam vengono portato in salvo dal vulcano che sta eruttando dalle aquile giganti che li portano in salvo.

Quando si risvegliano vengono festeggiati da tutti e anche da Aragorn che è diventato legittimo re di Gondor.

Poi, dopo la festa ognuno se ne torna per i cazzi suoi, chi a prostituirsi per strada, chi a spacciare, chi a fare il panettiere, insomma la vita ritorna quella di prima.

Appena rientrano a casa Frodo trova una cartella di Equitalia ad aspettarlo e la casa pignorata, allora decide di salire su una nave con gli elfi con Gandalf e Bilbo e andare in Brasile che lì ci sono le pheeghe e non c’è estradizione.

Purtroppo il capitano della nave è Schettino…. ma questa è un’altra storia.

The End.

Annunci

IL SIGNORE DEGLI ANELLI IN 5 MINUTI


Succede che ieri ho deciso di riguardarmi il signore degli anelli e ho messo su il dividì blu rei con l’audio stereo che quando fanno le battaglie mi sembra di avere l’esercito di Sauron in salotto che poi mia moglie dice che i vicini si lamentano e alla prossima riunione di condominio fanno la spia con l’amministratore che ci sgrida e mette il cartello in bacheca per farci fare la figura dimmerda.

Allora ho messo su il primo dividì che non ci sono troppe battaglie e quindi fa meno casino degli altri e ho iniziato a vederlo.

Ora per chi non sapesse di cosa parla il film che è tratto dal libro anche se hanno dovuto fare dei tagli per rimanere dentro le 4 ore cercherò di fare un breve riassunto.

Ovviamente dovrò fare un riassunto per ogni parte della trilogia che come dice la parola stessa sono 3 parti.

Parte 1: la compagnia dell’anello.

Una voce fuori campo racconta che tanto tempo fa il mondo era in armonia e i più importanti del mondo, come adesso Obama la Merkel, Olland e Alvaro Vitali avevano un anello magico che permetteva di fare tante cose magiche tipo controllare chi è al citofono senza alzarsi dal divano o pulire la cassetta del gatto standosene a letto ma anche di preparare il mojito senza la menta che uno dice ma come si fa… beh è magia e quelli erano anelli magici.

Ma c’era un cattivone (il cattivone di tutta la trilogia che si chiama Sauron) che in segreto aveva fatto un anello magico ancora più magico degli altri ma talmente magico che il mojito lo faceva anche senza bicchiere e senza rum e quell’anello magico comandava anche tutti gli altri anelli magici nel mondo in più quell’anello aveva un potere ancora più grande che se lo mettevi al dito ti faceva diventare invisibile che uno poteva non so entrare nello spogliatoio delle ragazze e vedere quando si facevano la doccia o suonare i citofoni senza dover scappare che tanto eri invisibile e anche se arrivava la pattuglia dei carabinieri non ti vedevano.

Gli uomini, gli elfi, i nani e Moira Orfei allora avevano organizzato un’alleanza per sconfiggere il cattivone e rubargli l’anello e fatto una battaglia sanguinosissima in cui avevano perso la vita molte persone ma non riuscivano a battere il potentissimo esercito di Sauron che era aiutato dai poteri dell’anello magico, però Isildur, aiutato dalla parrucca di Moira Orfei era riuscito a tagliare il dito con l’anello di Sauron che era sparito e il suo esercito aveva perso.

Anche se tutti gli avevano detto di distruggerlo Isildur si era tenuto l’anello magico di Sauron perché voleva organizzare un rave party alcolico con gli amici per festeggiare e guardare sua sorella nuda nella doccia senza essere scoperto, ma mentre tornava a casa veniva a sua volta ucciso dagli orchi sgherri di Moira Orfei (che faceva il doppio gioco perché l’anello lo voleva lei) e cadeva nel fiume perdendo l’anello che era poi stato ritrovato solo molti anni dopo da una misteriosa creatura pelata e malvagia (che non è Luciano Moggi).

Questa creatura che si chiamava Gollum a sua volta aveva anni dopo perso l’anello in una miniera dalla quale passava per caso un hobbit che lo aveva trovato e se l’era tenuto (ah il senso di civiltà!) per rivenderlo su ibei.

Fine del fleshbek!

Ai giorni nostri anche se non sono proprio i giorni nostri perché il calendario è diverso che non si capisce niente, alla fine non capisci nemmeno quanto è durato sto viaggio per distruggere l’anello che secondo me bastava portarlo da un compro oro e farlo fondere che magari col prezzo che c’ha l’oro in questo momento si facevano pure il gruzzoletto e potevano festeggiare per bene senza fare tutta quella strada e rischiare la vita, comunque ai giorni nostri c’è sto vecchio che è grande come un bambino e c’ha più di 100 anni e si chiama Bilbo Baggins che sta organizzando la sua festa di compleanno e la sua successiva fuga con latitanza tipo Fabrizio Corona ma senza andare in Portogallo che poi l’interpol ti becca subito, lui voleva andare a stare a scrocco a granburrone dall’elfo Elrond che granburrone era pure un paradiso fiscale senza estradizione quindi era in una botte di ferro. Questo vecchio è l’hobbit che nel fleshbek aveva trovato l’anello perso da Gollum.

Alla festa arriva uno stregone vestito di grigio sporco e coi capelli unti (che si chiama Gandalf il grigio) amico del vecchio che gli regala i fuochi d’artificio illegali che è pure dovuto scappare da due posti di blocco per portarli fino a lì che poi quando Bilbo scompare dalla sua festa di compleanno indossando l’anello per andare da Elrond lui lo intercetta e gli ordina di lasciare l’anello al nipote Frodo che lui è vecchio e magari rischia di fidanzarsi con una rumena che gli mangia tutti i soldi e i gioielli.

Poi lo stregone va da Frodo e gli dice di portare l’anello a gran burrone da Elrond dove lui lo aspetterà perché è un anello magico malvagio e devono fare qualcosa per distruggerlo che se torna nelle mani di Sauron sono tutti spacciati.

Frodo che a questo punto appare visibilmente agitato e prima si fa una camomilla e si fuma un cannone poi parte e trova dei compagni di viaggio che sono hobbit come lui (Sam, Pipino e Merry) e in un pub un ramingo di nome Aragorn che fa il contrabbandiere e conosce un sacco di scorciatoie per non beccare i posti di blocco e tra mille peripezie li porta tutti vivi a gran burrone anche se nel frattempo Frodo in un tentativo di rapina viene inseguito e accoltellato dai servi dell’anello (che hanno la caratteristica di strillare sempre come Wanna Marchi) che se vi ricordate studio aperto ci ha pure fatto un servizio su sta notizia di bullismo e Bruno Vespa ci ha fatto il plastico e intervistato un hobbit testimone oculare di nome Silvio Berlusconi che aveva detto di aver chiaramente riconosciuto nell’aggressore Mario Monti o qualche altro comunista anche se aveva un cappuccio che gli nascondeva la faccia.

A granburrone curano Frodo e si decide di creare una compagnia di 9 persone che dovranno attraversare le terre selvagge per andare a buttare l’anello nel vulcano dove era stato forgiato che purtroppo la raianer ha finito i biglietti da € 9,99 e che quindi ci devono andare a piedi.

Sti 9 partono e ci sono lo stregone vecchio e grigio (Gandalf), un nano (Gimli), un elfo (Legolas), un uomo (Boromir), un contrabbandiere di sigarette (Aragorn) e gli hobbit Frodo, Sam, Pipino e Merry.

Attraversano lande desolate e battaglie nelle cave di Moria che si danno botte da orbi che tremava tutta la casa e mi sa che il cartello l’amministratore lo stava scrivendo davvero perché mia moglie è corsa ad abbassare il volume per cui non ho sentito bene i dialoghi ma ho capito dalle immagini che Gandalf faceva una battaglia con un mostro infuocato che quando perde lo frusta e un avvinghiamento sadomaso se lo porta dietro che tutti credono che sia morto e piangono ma io che ho letto il libro rido perché so che è vivo ed è andato in lavanderia a lavare il vestito grigio che quando ritorna più avanti nel film non è più Gandalf il grigio ma Gandalf il bianco ed è talmente bianco che l’omino bianco viene licenziato perché non regge il confronto e lui si che muore davvero di dispiacere, in più si è pure lavato i capelli che prima ce li aveva pettinati col friol e si è fatto passare la piastra Imetec direttamente da Diego Della Palma che adesso sembra anche un vecchietto simpatico che magari ci stringi pure la mano e ci freghi la pensione invece che prima puzzava di sporco ed era unto.

Poi la compagnia entra nel bosco degli elfi dove ricevono un sacco di regali dalla regina degli elfi Galadriel che però tenta di vendergli una batteria di pentole loro allora rubano delle canoe e scappano coi regali inseguiti da Giorgio Mastrota e Cesare Cadeo e a un certo punto la compagnia si divide perché Boromir tenta di rubare l’anello a Frodo per guardare sua cugina mentre si fa la doccia.

Frodo e Sam scappano in canoa mentre in un attacco degli orchi Boromir muore e Pipino e Merry vengono rapiti.

Aragorn, Gimli e Legolas decidono di salvare questi due e che Frodo e Sam si arrangino tanto hanno letto tutti il libro e sanno che alla fine si salvano.

Fine prima parte.

Caffè, rose e trattori


L’altro giorno mi chiama un mio amico/collega per un caffè.

Rispondo dicendoci a ello che ho 5 minuti liberi per lui e di vederci al solito posto che mi avrebbe riconosciuto da una rosa tra i capelli.

Ci vediamo al solito posto ma siccome che è inverno e le rose sono fuori stagione e il fiorista me la voleva fare pagare 10 euri che era pure tutta molle e brutta sono arrivato senza rosa nei capelli e il mio collega/amico non mi ha riconosciuto anche se c’eravamo solo io e lui nel locale.

Ci sediamo al solito tavolino che non è proprio un tavolino ma un divanetto comodo comodo con i cuscini morbidi che se non fosse un bar ti verrebbe da affittare la stanza e dormirci tipo bed en brecfast che pure le briosch con la marmellata sono buone ed il caffè non è pure nemmeno lui male anche se alle volte te lo fanno aspettare tanto che quando arriva è già ora di fare la seconda colazione come gli hobbit del signore degli anelli che il film signore degli anelli è bello ma la trilogia dell’hobbit è brutta e noiosa e non so se vado a vedere le altre puntate al cinema.

Il mio amico/collega (che pure ha cambiato lavoro e quindi non è nemmeno più collega mio ma di qualcun’altrui persona) mi racconta che va all’estero per qualche giorno ad una fiera ospite di una nota azienda ma che però si deve pagare il viaggio quasi per intero perché la nota azienda è in spending riviu e quindi ci mette solo 100 euri mentre la differenza di quasi 700 ce la deve mettere lui.

Cazzamente esclamo io mentre lui mi spiega che comunque la fiera è interessante e che vale la pena anche se gli girano le palle che una volta non era così e la spending riviu ci fa fare dei grossi sacrifici a tutti pure alle grosse aziende note e che anche lui fa i sacrifici ma alla fiera ci vuole andare perché magari ci sono pure le stendiste fighe che si rifà gli occhi per soli 700 euri.

Decido che il mio amico/collega che non è più collega mio ma rimane comunque amico mio ma anche di altrui persone non si merita più di essere fregato dalla nota azienda un’altra volta, la prossima volta lo frego io per primo e non gli faccio neppure vedere le stendiste fighe che tanto alle fiere dei trattori non so mica se sono così fighe.

Messaggio per l’amico: se leggi il post e capisci chi sono (anche se non ho una rosa tra i capelli che il fiorista ladro non mi vuole fare lo sconto e io 10 euri per quella schifezza non li spendo) sto scherzando.

Se non leggi il post ovviamente è tutto vero.